Un Appello di

Giorgio Farao Giorgio Farao Rho, MI, Italia

Per continuare a far trionfare il Camerun ...

di Giorgio Farao
Terminato!
 
€ 0 raggiunti

Il Camerun trionfa a Libreville nella finale della 31ª Coppa d’Africa interrompendo un "digiuno" di 15 anni.

Anche sostenendo questo progetto di Cam to Me onlus possiamo aiutare il Camerun a giocare in un'altra partita, quella della lotta all'AIDS.

Li aiutiamo?

Un Appello di

Giorgio Farao Giorgio Farao Rho, MI, Italia

Comunità e Salute

L'obiettivo è di contribuire a migliorare la qualità di vita delle famiglie HIV/positive in particolare dei bambini nati da madre HIV+

Un Progetto di

Cam to Me Onlus Cam to Me è una Onlus attiva in Cambogia, Camerun e Perù

Obiettivo

 
€ 160 raggiunti
7.800 €
Terminato!

Questo progetto ha come obiettivo di contribuire a migliorare la qulità della presa in carico e dell'accompagnamento delle Persone affette dal virus HIV/AIDS nell'Arcidiocesi di Garoua. (Regione del Nord Cameroun). L'aumento di questa pandemia nella Regione del Nord (Garoua) resta e rimane preoccupante.

l'insufficenza di conoscenze nella popolazione sulla pandemia dell'HIV/AIDS mantiene dei comportamenti a rischio (in particolare sessuali) e di conseguenza l'espansione di questa malattia nelle comunità. Le conseguenze di questa espansione sono più visibili tra le popolazioni più indigenti. La loro situazione di precarietà limita il loro accesso alle cure e di conseguenza sono più esposti ad infezioni opportunistiche. Dopo l'esaurimento di qualche risorsa familiare per le cure mediche, molti sono abbandonati alla loro triste sorte senza alcun sostegno lasciando cosi' che il destino faccia il resto. E sono sempre più numerose le persone in questa situazione. Questa dura realtà ci spinge a fare tutto quello che si puo' fare per allegerire sia la loro sofferenza che solitudine.

E' cosi' che nel corso degli anni passati a causa delle risorse limitate, un certo numero di persone sieropositive (PVVIH) adulti e bambini, indigenti e abbandonati sono stati sostenuti sia a livello medico che alimentare. Questo progetto si inserisce nella continuità delle attività già intraprese. Si tratterà anche di allargare, se possibile, l'utenza a nuove persone in simili condizioni nel contesto dove si sviluppa il progetto.

La grande novità del 2017 è l'approccio alle famiglie: non ci si orienterà solo verso la persona sieropositiva ma a tutta la famiglia con un accento particolare all’educazione sanitaria e alla prevenzione.

Verranno messe in atto anche processi di cura dove pero’ tutta la famiglia sarà coinvolta per arrivare agli obiettivi fissati.
Questo progetto ha per obiettivo di contribuire a migliorare le condizioni socio sanitarie di famiglie indigenti seguite nell’Arcidiocesi di Garoua (Regione del Nord Camerun).
In effetti, molte famiglie indigenti nella città di Garoua per la loro situazione socio economica precaria si ritrovano progressivamente marginalizzate e rifiutate dal loro “entourage”.
Non avendo o molto poco delle risorse per soddisfare i loro bisogni vitali elementari (mangiare , vestirsi, curarsi, mandare i bambini a scuola...), diventano vulnerabili a tutti i livelli e perdono progressivamente la loro dignità umana di fronte all’indifferenza della società nella quale vivono. E se questo non bastasse, la pandemia dell’HIV/AIDS ha preso ampio posto su questa fascia sociale già fragile. Se dunque, non si fa nulla di fronte a questa situazione, assisteremo in un prossimo futuro alla scomparsa di famiglie intere. Questo  é inaccettabile per la Chiesa  di Garoua. Da qui la ragione di questo progetto.
Leggi tutto
Condividi