Un llamamiento de

Maurizio Russi Maurizio Russi Milano, MI, Italia

Aiutiamo i bambini e i ragazzi stranieri non accompagnati

de Maurizio Russi
Aiutiamo i bambini e i ragazzi stranieri non accompagnati
¡Solo faltan 11 días!
 
€ 25 conseguidos
3.000 €

A volte mettersi nei panni di un altra persona non basta per essere totalmente consapevole delle paure, delle insicurezze e delle speranze che questa persona può avere, specialmente se si tratta di un bambino o di un ragazzo minorenne straniero non accompagnato da nessuno che ha abbandonato il suo mondo ed i suoi affetti per cercare nuove speranze di una vita normale nel nostro paese.

I volontari di Nivalis nel loro lavoro quotidiano incontrano spesso storie che hanno come protagonisti questi bambini segnati dai traumi di un viaggio spesso al limite della resistenza umana, dal distacco dalla famiglia e dalle insicurezze di una nuova e sconosciuta realtà, per questo come Nivalis,  hanno deciso  di aprire uno spazio di ascolto e cura gratuito dedicato ani Minori Stranieri Non Accompagnati che offrirà:

  • attività di supporto educativo, sociale e orientamento;
  • supporto psicologico;
  • sedute di terapia congiunte con figure affettivamente significative;
  • attività di rete, consulenza e formazione con gli operatori del sistema di accoglienza e cura del territorio. 

Credo che per consentire a questi ragazzi di avere un futuro migliore di quello che spesso potrebbero avere siano fondamentali persone che con i loro sforzi mettano a disposizione le strutture e le figure professionali necessarie per raggiungere questo obbiettivo.

Sosteniamo Nivalis nel suo progetto.

Grazie e tutti.

Un llamamiento de

Maurizio Russi Maurizio Russi Milano, MI, Italia

A fianco di bambini e ragazzi stranieri non accompagnati

A Milano stiamo aprendo uno spazio di ascolto e cura gratuito dedicato ai Minori Stranieri Non Accompagnati

Un proyecto de

Nivalis Onlus Breve descrizione

Objetivo

 
€ 25 conseguidos
3.000 €
A fianco di bambini e ragazzi stranieri non accompagnati
¡Solo faltan 12 días!

Costruiamo un futuro per i minori stranieri non accompagnati 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel nostro lavoro con i ragazzi di Milano abbiamo incontrato tante storie di famiglie e adolescenti e toccato con mano il complesso mondo legato alla migrazione, ai viaggi, alle speranze e alle paure, ai mondi lasciati e a quelli nuovi da incontrare. Tanti sono gli adolescenti e i giovani da poco giunti in Italia soli e senza famiglia, chiamati MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati).  Secondo il Tribunale per i Minorenni, il numero di minori stranieri non accompagnati presi in carico dal Comune di Milano si aggira intorno al migliaio all’anno, anche se il numero di ragazzi che giungono sul territorio di competenza del Comune è di gran lunga più alto di quello dei minori effettivamente presi in carico, sia per quelli che si danno alla fuga dopo l’inserimento nella prima o nella seconda accoglienza, sia per quelli di cui nessuno si occupa, una volta raggiunta la copertura dei posti delle strutture comunitarie presenti sul territorio (comunità educative, o persino dormitori).

Per non parlare dei traumi subiti prima, dopo e durante il viaggio, del doloroso distacco dalla famiglia di origine e della preoccupazione per i familiari, del forte senso di solitudine e abbandono, dell’incertezza e angoscia rispetto al futuro, della grande paura di perdere la propria identità: emozioni e pensieri che rimangono inascoltati e lavorano sotterraneamente, esponendo i ragazzi al rischio di perdere sé stessi, stare male, finire nel circuito della devianza, se non persino della delinquenza.

Per questo come NIVALIS abbiamo deciso di aprire uno spazio di ascolto e cura  gratuito dedicato ai Minori Stranieri Non Accompagnati. Il nostro progetto offre:

  • attività di supporto educativo, sociale e orientamento, per aiutare i ragazzi a rafforzare le proprie competenze e interessi, individuando anche progetti concreti sul territorio in cui inserirsi (corsi di formazione, borse lavoro, percorsi scolastici, attività sportive, stage lavorativi).
  • supporto psicologico e psicoterapia individuale: colloqui dove il ragazzo possa essere ascoltato con un’attenzione esclusiva e personale, raccontare la propria storia, ritrovare i propri desideri ed essere sostenuto e accompagnato su un piano emotivo; Perché le lacerazioni subite e il dolore provato non portino i ragazzi verso la strada della malattia e della devianza. 
  • Sedute di terapia congiunte con figure affettivamente significative (anche familiari se ritrovati e presenti) e/o con operatori della rete di accoglienza e cura (educatori, assistenti sociali) per condividere le difficoltà incontrate, trovare insieme delle risposte e costruire un progetto sul futuro;
  • Attività di rete, consulenza e formazione con gli operatori del sistema di accoglienza e cura del territorio. 

Nel nostro centro i ragazzi incontreranno  psicologi, psicoterapeuti, pedagogisti, mediatori linguistico-culturali, operatori di rete, con una formazione specifica nelle tematiche trattate. Nell’incontro con i ragazzi gli operatori utilizzeranno strumenti cross culturali(giochi grafici, musica, fotografia) sviluppati all’interno del nostro centro, per rendere più immediato lo scambio e la comunicazione (data la presenza di differenze linguistico-culturali) e promuovere anche il racconto di momenti traumatici e delle emozioni spesso celate.

Leerlo todo
Usuario anónimo20.12.2017Ningún comentario
€ ---
Usuario anónimo20.12.2017Ningún comentario
€ ---
Compartir